Alessandro Manzoni: vizi e virtù di «un’arte di propaganda»