La ripartizione della potestas iudicandi tra arbitri e giudici