La nuova legge sulle dimissioni volontarie: un inutile omaggio alla cultura del sospetto