"Erepta a bestiis" e occupazione