Alcune linee di riflessione per un inquadramento costituzionale delle comunicazioni elettroniche