Roger McGough e l'età ingrata