"Cattedrali di parole": d'Annunzio fra Ruskin e Proust