Antifascismo sociale, soggettività e “strategia della tensione"