Il tema degli effetti dell’applicazione degli IFRS nei bilanci delle società italiane appare di stretta attualità in vista della possibilità di utilizzarli anche nei bilanci d’esercizio di società non quotate. Molte e rilevanti sono le differenze fra i principi contabili nazionali e gli IFRS: fra queste la contabilizzazione e la valutazione delle immobilizzazioni immateriali assume particolare rilevanza sia in termini di valori, sia in termini di rappresentazione delle strategie aziendali. La definizione di risorse immateriali, così come la distinzione fra intangibili a vita utile definita e intangibili a vita utile indefinita, contenute nello IAS 38, determinano significative differenze di valutazione fra risorse immateriali prodotte internamente e risorse acquisite attraverso operazioni di M&A. Simulando l’applicazione dello IAS 38 nei bilanci d’esercizio di società non quotate del settore ceramico, la ricerca ha evidenziato rappresentazioni diverse delle risorse intagibili a fronte delle diverse strategie di crescita attuate. Il loro valore di bilancio infatti tende ad aumentare nei casi di società che crescono per linee esterne, mentre tende a diminuire nei casi in cui la crescita è perseguita per via interna.

L'applicazione degli IFRS agli intangible assets: il caso del settore ceramico / Ferrari, Mascia; Montanari, Stefano. - In: RIVISTA DEI DOTTORI COMMERCIALISTI. - ISSN 0485-2281. - STAMPA. - LIX:(2008), pp. 487-516.

L'applicazione degli IFRS agli intangible assets: il caso del settore ceramico

FERRARI, Mascia;MONTANARI, Stefano
2008

Abstract

Il tema degli effetti dell’applicazione degli IFRS nei bilanci delle società italiane appare di stretta attualità in vista della possibilità di utilizzarli anche nei bilanci d’esercizio di società non quotate. Molte e rilevanti sono le differenze fra i principi contabili nazionali e gli IFRS: fra queste la contabilizzazione e la valutazione delle immobilizzazioni immateriali assume particolare rilevanza sia in termini di valori, sia in termini di rappresentazione delle strategie aziendali. La definizione di risorse immateriali, così come la distinzione fra intangibili a vita utile definita e intangibili a vita utile indefinita, contenute nello IAS 38, determinano significative differenze di valutazione fra risorse immateriali prodotte internamente e risorse acquisite attraverso operazioni di M&A. Simulando l’applicazione dello IAS 38 nei bilanci d’esercizio di società non quotate del settore ceramico, la ricerca ha evidenziato rappresentazioni diverse delle risorse intagibili a fronte delle diverse strategie di crescita attuate. Il loro valore di bilancio infatti tende ad aumentare nei casi di società che crescono per linee esterne, mentre tende a diminuire nei casi in cui la crescita è perseguita per via interna.
LIX
487
516
L'applicazione degli IFRS agli intangible assets: il caso del settore ceramico / Ferrari, Mascia; Montanari, Stefano. - In: RIVISTA DEI DOTTORI COMMERCIALISTI. - ISSN 0485-2281. - STAMPA. - LIX:(2008), pp. 487-516.
Ferrari, Mascia; Montanari, Stefano
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
rivdotcom2008.pdf

non disponibili

Tipologia: Post-print dell'autore (bozza post referaggio)
Dimensione 1.37 MB
Formato Adobe PDF
1.37 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

Licenza Creative Commons
I metadati presenti in IRIS UNIMORE sono rilasciati con licenza Creative Commons CC0 1.0 Universal, mentre i file delle pubblicazioni sono rilasciati con licenza Attribuzione 4.0 Internazionale (CC BY 4.0), salvo diversa indicazione.
In caso di violazione di copyright, contattare Supporto Iris

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11380/609847
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact