In un esperimento basato sulla presentazione seriale rapida di stimoli visivi, due stimoli target sono stati presentati ad intervalli di tempo variabili nella stessa posizione spaziale. Il primo stimolo target (T1) era un numero. Il secondo stimolo target era la lettera 'E' (T2), che veniva presentata nel 25% delle prove. Il compito sperimentale prevedeva di riportare, al termine della presentazione degli stimoli e in assenza di pressione temporale sulla risposta, l'identit‡ di T1 e la presenza o meno di T2 nella serie di stimoli visivi. Oltre all'accuratezza nell'eseguire il compito sperimentale, nel presente esperimento Ë stato calcolato il potenziale evocato (PE) associato alla presentazione di T2. I risultati comportamentali hanno messo in luce un effetto Attentional Blink (AB): l'accuratezza nel giudicare la presenza di T2 diminuiva al diminuire dell'intervallo temporale tra T1 e T2. I risultati elettrofisiologici hanno evidenziato una stretta correlazione tra effetto AB e componente P3 del PE: l'effetto AB Ë risultato direttamente proporzionale all'intensit‡ media della componente P3 del potenziale evocato registrato a partire dalla presentazione di T2. Two visual targets were presented at variable Stimulus Onset Asynchronies (SOAs) embedded in a Rapid Serial Visual Presentation (RSVP) of black distractors. The first stimulus, T1, was a white digit varying from 1 to 9. The second stimulus was a black letter, that could be either an 'E' (T2) on 25% of the trials, or a different letter on the remaining trials. Subjects were instructed to report, with no speed pressure at the end of each RSVP of characters, both the identity of the T1 digit and whether or not T2 was presented following T1. Beyond classical estimates of the accuracy in reporting T1 and T2, the Evoked Response Potential (ERP) locked to the onset of T2 was measured in the present experiment. The behavioral results indicated an Attentional Blink (AB) effect, i.e., T2 report accuracy decreased as the T1-T2 SOA was shortened. The electrophysiological results indicated a sensitive correlation between T2 accuracy and P3 component amplitude of the ERP, i.e., the P3 amplitude decreased monotonically as the T1-T2 SOA was shortened.

Effetti comportamentali e elettrofisiologici di un limite cognitivo / Pesciarelli, Francesca; Dell'Acqua, R.; Palomba, D.; Job, R.. - In: GIORNALE ITALIANO DI PSICOLOGIA. - ISSN 0390-5349. - STAMPA. - 29:(2002), pp. 179-185.

Effetti comportamentali e elettrofisiologici di un limite cognitivo.

PESCIARELLI, Francesca;
2002

Abstract

In un esperimento basato sulla presentazione seriale rapida di stimoli visivi, due stimoli target sono stati presentati ad intervalli di tempo variabili nella stessa posizione spaziale. Il primo stimolo target (T1) era un numero. Il secondo stimolo target era la lettera 'E' (T2), che veniva presentata nel 25% delle prove. Il compito sperimentale prevedeva di riportare, al termine della presentazione degli stimoli e in assenza di pressione temporale sulla risposta, l'identit‡ di T1 e la presenza o meno di T2 nella serie di stimoli visivi. Oltre all'accuratezza nell'eseguire il compito sperimentale, nel presente esperimento Ë stato calcolato il potenziale evocato (PE) associato alla presentazione di T2. I risultati comportamentali hanno messo in luce un effetto Attentional Blink (AB): l'accuratezza nel giudicare la presenza di T2 diminuiva al diminuire dell'intervallo temporale tra T1 e T2. I risultati elettrofisiologici hanno evidenziato una stretta correlazione tra effetto AB e componente P3 del PE: l'effetto AB Ë risultato direttamente proporzionale all'intensit‡ media della componente P3 del potenziale evocato registrato a partire dalla presentazione di T2. Two visual targets were presented at variable Stimulus Onset Asynchronies (SOAs) embedded in a Rapid Serial Visual Presentation (RSVP) of black distractors. The first stimulus, T1, was a white digit varying from 1 to 9. The second stimulus was a black letter, that could be either an 'E' (T2) on 25% of the trials, or a different letter on the remaining trials. Subjects were instructed to report, with no speed pressure at the end of each RSVP of characters, both the identity of the T1 digit and whether or not T2 was presented following T1. Beyond classical estimates of the accuracy in reporting T1 and T2, the Evoked Response Potential (ERP) locked to the onset of T2 was measured in the present experiment. The behavioral results indicated an Attentional Blink (AB) effect, i.e., T2 report accuracy decreased as the T1-T2 SOA was shortened. The electrophysiological results indicated a sensitive correlation between T2 accuracy and P3 component amplitude of the ERP, i.e., the P3 amplitude decreased monotonically as the T1-T2 SOA was shortened.
29
179
185
Effetti comportamentali e elettrofisiologici di un limite cognitivo / Pesciarelli, Francesca; Dell'Acqua, R.; Palomba, D.; Job, R.. - In: GIORNALE ITALIANO DI PSICOLOGIA. - ISSN 0390-5349. - STAMPA. - 29:(2002), pp. 179-185.
Pesciarelli, Francesca; Dell'Acqua, R.; Palomba, D.; Job, R.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

Licenza Creative Commons
I metadati presenti in IRIS UNIMORE sono rilasciati con licenza Creative Commons CC0 1.0 Universal, mentre i file delle pubblicazioni sono rilasciati con licenza Attribuzione 4.0 Internazionale (CC BY 4.0), salvo diversa indicazione.
In caso di violazione di copyright, contattare Supporto Iris

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11380/609197
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact