Lo studio sulle imprese familiari, benché abbia avuto un grande impulso negli ultimi 10 anni soffre ancora dell’assenza di una teoria condivisa che ne fornisca una chiave di lettura convincente e metodologicamente solida (Lindblom e Cohen, 1979). Ciò produce forti disomogeneità sulla definizione di impresa familiare rese ancor più evidenti allorché questi concetti devono essere operativizzati nelle ricerche empiriche. Difficili sono quindi i confronti e le generalizzazioni dei risultati delle ricerche empiriche svolte, allorché non esistono strumenti condivisi per la selezione di campioni di imprese omogenee (Smyrnios, Tanewski e Romano, 1998). L’analisi della letteratura italiana ed internazionale mostra come le definizioni di family business utilizzate dagli studiosi siano molto numerose e talvolta estremamente eterogenee fra loro. Nonostante ciò si evidenzia come, seppure in modo non lineare, la definizione di family business ha avuto un’evoluzione teorica significativa nei seguenti aspetti:-nei contenuti, passando da definizioni semplici in cui ne venivano enunciate le caratteristiche qualificanti a definizioni complesse in cui l’enunciazione teorica di natura per lo più astratta, viene declinata in una o più definizioni concrete che individuano i caratteri oggettivi qualificanti;-nei modelli, passando da definizioni mono variate o bivariate, ossia quelle per le quali un carattere o due caratteri determinano l’appartenenza o meno dell’impresa alla categoria delle imprese familiari (es. proprietà, governo, possibilità di trasferimento agli eredi, sovrapposizione fra famiglia e impresa), a modelli multivariati in cui l’attributo familiare può avere differenti intensità in funzione dell’intensità con cui si manifestano nell’azienda una pluralità di variabili;-nella misurabilità, passando da definizioni che si limitano ad offrire una misurazione dicotomica circa l’appartenenza o meno di un’impresa alla cerchia delle imprese familiari a definizioni maggiormente articolate che permettono di misurare su di una scala continua il grado di influenza della famiglia sull’impresa.Nel prosieguo del presente articolo dopo aver approfondito i termini del problema sottostante la definizione di impresa familiare, ci si propone di sistematizzare le principali proposte presenti in letteratura nell’ottica evolutiva sopra esposta mettendo in evidenza come le più recenti concettualizzazioni abbiano compiuto passi determinanti, se non definitivi, verso la definizione di una costruzione teorica in grado di supportare la ricerca empirica. Nelle considerazioni finali si evidenzia tuttavia come permangano anche in queste delle zone d’ombra nelle quali non viene del tutto dipanato l’onnipresente dilemma fra i caratteri concreti e per questo misurabili in modo oggettivo delle imprese familiari e le qualità più astratte che, benché non meno importanti, risultano difficili da misurare in modo oggettivo ed incontrovertibile.

I percorsi evolutivi delle definizioni del Family Business: dalle concezioni teoriche alle proposte operative / Montanari, Stefano. - In: RIVISTA ITALIANA DI RAGIONERIA E DI ECONOMIA AZIENDALE. - ISSN 1593-9154. - STAMPA. - 5/6:(2008), pp. 397-406.

I percorsi evolutivi delle definizioni del Family Business: dalle concezioni teoriche alle proposte operative

MONTANARI, Stefano
2008

Abstract

Lo studio sulle imprese familiari, benché abbia avuto un grande impulso negli ultimi 10 anni soffre ancora dell’assenza di una teoria condivisa che ne fornisca una chiave di lettura convincente e metodologicamente solida (Lindblom e Cohen, 1979). Ciò produce forti disomogeneità sulla definizione di impresa familiare rese ancor più evidenti allorché questi concetti devono essere operativizzati nelle ricerche empiriche. Difficili sono quindi i confronti e le generalizzazioni dei risultati delle ricerche empiriche svolte, allorché non esistono strumenti condivisi per la selezione di campioni di imprese omogenee (Smyrnios, Tanewski e Romano, 1998). L’analisi della letteratura italiana ed internazionale mostra come le definizioni di family business utilizzate dagli studiosi siano molto numerose e talvolta estremamente eterogenee fra loro. Nonostante ciò si evidenzia come, seppure in modo non lineare, la definizione di family business ha avuto un’evoluzione teorica significativa nei seguenti aspetti:-nei contenuti, passando da definizioni semplici in cui ne venivano enunciate le caratteristiche qualificanti a definizioni complesse in cui l’enunciazione teorica di natura per lo più astratta, viene declinata in una o più definizioni concrete che individuano i caratteri oggettivi qualificanti;-nei modelli, passando da definizioni mono variate o bivariate, ossia quelle per le quali un carattere o due caratteri determinano l’appartenenza o meno dell’impresa alla categoria delle imprese familiari (es. proprietà, governo, possibilità di trasferimento agli eredi, sovrapposizione fra famiglia e impresa), a modelli multivariati in cui l’attributo familiare può avere differenti intensità in funzione dell’intensità con cui si manifestano nell’azienda una pluralità di variabili;-nella misurabilità, passando da definizioni che si limitano ad offrire una misurazione dicotomica circa l’appartenenza o meno di un’impresa alla cerchia delle imprese familiari a definizioni maggiormente articolate che permettono di misurare su di una scala continua il grado di influenza della famiglia sull’impresa.Nel prosieguo del presente articolo dopo aver approfondito i termini del problema sottostante la definizione di impresa familiare, ci si propone di sistematizzare le principali proposte presenti in letteratura nell’ottica evolutiva sopra esposta mettendo in evidenza come le più recenti concettualizzazioni abbiano compiuto passi determinanti, se non definitivi, verso la definizione di una costruzione teorica in grado di supportare la ricerca empirica. Nelle considerazioni finali si evidenzia tuttavia come permangano anche in queste delle zone d’ombra nelle quali non viene del tutto dipanato l’onnipresente dilemma fra i caratteri concreti e per questo misurabili in modo oggettivo delle imprese familiari e le qualità più astratte che, benché non meno importanti, risultano difficili da misurare in modo oggettivo ed incontrovertibile.
5/6
397
406
I percorsi evolutivi delle definizioni del Family Business: dalle concezioni teoriche alle proposte operative / Montanari, Stefano. - In: RIVISTA ITALIANA DI RAGIONERIA E DI ECONOMIA AZIENDALE. - ISSN 1593-9154. - STAMPA. - 5/6:(2008), pp. 397-406.
Montanari, Stefano
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
rirea2008.pdf

non disponibili

Tipologia: Post-print dell'autore (bozza post referaggio)
Dimensione 742.56 kB
Formato Adobe PDF
742.56 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

Licenza Creative Commons
I metadati presenti in IRIS UNIMORE sono rilasciati con licenza Creative Commons CC0 1.0 Universal, mentre i file delle pubblicazioni sono rilasciati con licenza Attribuzione 4.0 Internazionale (CC BY 4.0), salvo diversa indicazione.
In caso di violazione di copyright, contattare Supporto Iris

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11380/608947
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact