Il “martirio manufatto” nel Novecento