Come la scuola osserva le prevaricazioni