Dalle diversità bio-culturali alla differenziazione competitiva