Finzione e coscienza storica. Per una narrazione non violenta della violenza