Cosa c'è di vero in un'esperienza interculturale immaginata?