Sul collezionismo di dipinti ferraresi a Roma nel Seicento: riflessioni e aggiunte