Ovidio, Ariosto e Tasso in casa di Carlo de’ Medici