Sugli ultimi “esercizi” di Valerio Magrelli