«Verso la transmedialità, ipotesi per un programma CD-I»