CONSIDERAZIONI A PROPOSITO DI UN CASO DI SCHWANNOMA SOLITARIO BENIGNO DELL'ESOFAGO