Tra i reperti vitrei rinvenuti negli scavi di Pompei si riconoscono piccoli oggetti di pasta vitrea classificati come pedine da gioco. Essi presentano un’ampia gamma di colorazioni e sono quindi di grande interesse per indagini di carattere archeometrico essenzialmente rivolte allo studio dei coloranti e degli opacizzanti utilizzati in epoca romana. A questo scopo sono state eseguite analisi morfologiche, chimiche e mineralogiche su 8 campioni opachi e 2 trasparenti. Le analisi chimiche sono state ottenute utilizzando microsonda elettronica, fluorescenza a raggi X e spettrometria EDS. Per identificare la natura delle fasi cristalline presenti all’interno delle paste vitree sono stati raccolti spettri di diffrazione a raggi X. I risultati ottenuti hanno permesso di individuare la presenza di agenti opacizzanti all’interno delle 8 pedine opache, quali antimoniati di calcio e piombo e particelle metalliche di rame. Al contrario, all’interno delle pedine trasparenti non sono state rinvenute particelle cristalline.

Indagini archeometriche su vetri pompeiani: il caso delle pedine da gioco / Arletti, R.; Ciarallo, A.; Quartieri, S.; Sabatino, G.; Vezzalini, Maria Giovanna. - STAMPA. - (2005), pp. 49-54.

Indagini archeometriche su vetri pompeiani: il caso delle pedine da gioco.

ARLETTI R.;VEZZALINI, Maria Giovanna
2005

Abstract

Tra i reperti vitrei rinvenuti negli scavi di Pompei si riconoscono piccoli oggetti di pasta vitrea classificati come pedine da gioco. Essi presentano un’ampia gamma di colorazioni e sono quindi di grande interesse per indagini di carattere archeometrico essenzialmente rivolte allo studio dei coloranti e degli opacizzanti utilizzati in epoca romana. A questo scopo sono state eseguite analisi morfologiche, chimiche e mineralogiche su 8 campioni opachi e 2 trasparenti. Le analisi chimiche sono state ottenute utilizzando microsonda elettronica, fluorescenza a raggi X e spettrometria EDS. Per identificare la natura delle fasi cristalline presenti all’interno delle paste vitree sono stati raccolti spettri di diffrazione a raggi X. I risultati ottenuti hanno permesso di individuare la presenza di agenti opacizzanti all’interno delle 8 pedine opache, quali antimoniati di calcio e piombo e particelle metalliche di rame. Al contrario, all’interno delle pedine trasparenti non sono state rinvenute particelle cristalline.
Scienze e archeologia. Le scienze ambientali-Le scienze Chimico Fisiche
Ciarallo A. e Baraldi P.
ITALIA
Indagini archeometriche su vetri pompeiani: il caso delle pedine da gioco / Arletti, R.; Ciarallo, A.; Quartieri, S.; Sabatino, G.; Vezzalini, Maria Giovanna. - STAMPA. - (2005), pp. 49-54.
Arletti, R.; Ciarallo, A.; Quartieri, S.; Sabatino, G.; Vezzalini, Maria Giovanna
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

Licenza Creative Commons
I metadati presenti in IRIS UNIMORE sono rilasciati con licenza Creative Commons CC0 1.0 Universal, mentre i file delle pubblicazioni sono rilasciati con licenza Attribuzione 4.0 Internazionale (CC BY 4.0), salvo diversa indicazione.
In caso di violazione di copyright, contattare Supporto Iris

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11380/462693
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact