Viene presentato un esempio di valutazione dei beni geomorfologici nelle Dolomiti di Fànes. Nell'area affiora parte della successione mesozoica delle Dolomiti e la morfologia è principalmente connessa a sistemi climatici glaciali e periglaciali oltre che alle relazioni con la struttura geologica. Le ricerche in atto per la valutazione dei beni geomorfologici implicano l'assegnazione di un livello di interesse significativo per quelle forme classificabili come beni. Sul M. Parei ad esempio affiora un conglomerato particolarmente significativo per la ricostruzione cronologica delle ultime fasi della tettonica Alpina; esso infatti, datato da un'associazione a microfaune all'Oligocene superiore - Miocene inferiore, è interposto tra sovrascorrimenti dinarici e sudalpini. La grande estensione di rocce calcaree mostra diffusi fenomeni carsici e, in prossimità di uno spartiacque, una parete, interamente scolpita dalle acque di fusione dei ghiacciai, rappresenta un chiaro esempio di bene geomorfologico. Altri beni sono rappresentati da un deposito glaciale nel Vallone di Rudo e da forme che costituiscono indizi di attività tettonica.

Un esempio di valutazione dei beni geomorfologici nelle Dolomiti di Fànes / Marchetti, Mauro; Vezzani, A.. - In: MEMORIE DESCRITTIVE DELLA CARTA GEOLOGICA D'ITALIA. - ISSN 0536-0242. - STAMPA. - 54:(1999), pp. 425-432.

Un esempio di valutazione dei beni geomorfologici nelle Dolomiti di Fànes.

MARCHETTI, Mauro;
1999

Abstract

Viene presentato un esempio di valutazione dei beni geomorfologici nelle Dolomiti di Fànes. Nell'area affiora parte della successione mesozoica delle Dolomiti e la morfologia è principalmente connessa a sistemi climatici glaciali e periglaciali oltre che alle relazioni con la struttura geologica. Le ricerche in atto per la valutazione dei beni geomorfologici implicano l'assegnazione di un livello di interesse significativo per quelle forme classificabili come beni. Sul M. Parei ad esempio affiora un conglomerato particolarmente significativo per la ricostruzione cronologica delle ultime fasi della tettonica Alpina; esso infatti, datato da un'associazione a microfaune all'Oligocene superiore - Miocene inferiore, è interposto tra sovrascorrimenti dinarici e sudalpini. La grande estensione di rocce calcaree mostra diffusi fenomeni carsici e, in prossimità di uno spartiacque, una parete, interamente scolpita dalle acque di fusione dei ghiacciai, rappresenta un chiaro esempio di bene geomorfologico. Altri beni sono rappresentati da un deposito glaciale nel Vallone di Rudo e da forme che costituiscono indizi di attività tettonica.
54
425
432
Un esempio di valutazione dei beni geomorfologici nelle Dolomiti di Fànes / Marchetti, Mauro; Vezzani, A.. - In: MEMORIE DESCRITTIVE DELLA CARTA GEOLOGICA D'ITALIA. - ISSN 0536-0242. - STAMPA. - 54:(1999), pp. 425-432.
Marchetti, Mauro; Vezzani, A.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

Licenza Creative Commons
I metadati presenti in IRIS UNIMORE sono rilasciati con licenza Creative Commons CC0 1.0 Universal, mentre i file delle pubblicazioni sono rilasciati con licenza Attribuzione 4.0 Internazionale (CC BY 4.0), salvo diversa indicazione.
In caso di violazione di copyright, contattare Supporto Iris

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11380/455439
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact