La lingua in una città di confine