SOMMARIO: 0. Premessa. Il costituzionalismo come garanzia e come strumento di trasformazione del diritto penale. Il garantismo come modello aristocratico o discorsivo, ma non contrattualistico. 1. Dalla Costituzione-codice al codice-Costituzione. 2. La Costituzione come «fondamento» e non come mero «limite» del diritto penale. 3. Il modello-codice: dal codice-decalogo al codice-strumento della politica criminale. 4. Il diritto penale come extrema ratio, fra tirannia dei princìpi e realtà della pena carceraria in action. 5. Per una scienza della sussidiarietà. 6. Il profilo sostanziale della riserva di legge quale garanzia della democrazia penale. 7. Che cosa caratterizza il diritto penale rispetto ai sistemi punitivi o sanzionatori extrapenali, in particolare di matrice civilistica. 8. La differenza fra ‘penale’ e ‘amministrativo’ in un quadro di deflazione e razionalizzazione: il destino delle contravvenzioni e la riforma della legislazione penale complementare. 9. La c.d. riserva di codice. 10. Il nodo gordiano delle fattispecie costruite sul momento autorizzativo e sull’inosservanza di regole preventivo-cautelari. 11. La strategia sanzionatoria. Pene alternative, limitative della libertà, interdittive e pene pecuniarie. 12. Il ruolo della discrezionalità del giudice. 13. Il rapporto fatto/autore nel diritto penale in action e nelle prospettive di riforma.

La riforma del codice penale fra politica e cultura giuridica / Donini, Massimo. - In: QUESTIONE GIUSTIZIA. - ISSN 1720-4518. - STAMPA. - 2-3:(2004), pp. 487-533.

La riforma del codice penale fra politica e cultura giuridica

DONINI, Massimo
2004

Abstract

SOMMARIO: 0. Premessa. Il costituzionalismo come garanzia e come strumento di trasformazione del diritto penale. Il garantismo come modello aristocratico o discorsivo, ma non contrattualistico. 1. Dalla Costituzione-codice al codice-Costituzione. 2. La Costituzione come «fondamento» e non come mero «limite» del diritto penale. 3. Il modello-codice: dal codice-decalogo al codice-strumento della politica criminale. 4. Il diritto penale come extrema ratio, fra tirannia dei princìpi e realtà della pena carceraria in action. 5. Per una scienza della sussidiarietà. 6. Il profilo sostanziale della riserva di legge quale garanzia della democrazia penale. 7. Che cosa caratterizza il diritto penale rispetto ai sistemi punitivi o sanzionatori extrapenali, in particolare di matrice civilistica. 8. La differenza fra ‘penale’ e ‘amministrativo’ in un quadro di deflazione e razionalizzazione: il destino delle contravvenzioni e la riforma della legislazione penale complementare. 9. La c.d. riserva di codice. 10. Il nodo gordiano delle fattispecie costruite sul momento autorizzativo e sull’inosservanza di regole preventivo-cautelari. 11. La strategia sanzionatoria. Pene alternative, limitative della libertà, interdittive e pene pecuniarie. 12. Il ruolo della discrezionalità del giudice. 13. Il rapporto fatto/autore nel diritto penale in action e nelle prospettive di riforma.
2-3
487
533
La riforma del codice penale fra politica e cultura giuridica / Donini, Massimo. - In: QUESTIONE GIUSTIZIA. - ISSN 1720-4518. - STAMPA. - 2-3:(2004), pp. 487-533.
Donini, Massimo
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

Licenza Creative Commons
I metadati presenti in IRIS UNIMORE sono rilasciati con licenza Creative Commons CC0 1.0 Universal, mentre i file delle pubblicazioni sono rilasciati con licenza Attribuzione 4.0 Internazionale (CC BY 4.0), salvo diversa indicazione.
In caso di violazione di copyright, contattare Supporto Iris

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11380/451356
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact