Terroristi o combattenti: un'alternativa credibile alla luce del diritto internazionale?