"Sapere ascoltare e sapere essere": la liturgia alla conferenza di Medellin