La sentenza della Corte di Giustizia delle Comunità europee: eterogeneità sequenziale ed enunciativa