Il settore delle lavorazioni meccaniche per conto terzi e della realizzazione di componenti meccanici su commessa, è da sempre caratterizzato da scarsa ripetibilità dei prodotti e dalla necessità di seguire le specifiche del cliente, spesso note solo dopo l’acquisizione dell’ordine. In questo contesto, caratterizzato da produzione intermittente o frammentaria e da volumi di produzione medio-bassi, risulta essere fondamentale l’implementazione della programmazione e del controllo della produzione e la attendibilità dei dati di ingresso dello schedulatore a capacità finita, relativi ai tempi di lavorazione e di collaudo. In particolare le fasi di collaudo e di controllo qualità presentano un’elevata criticità per la realizzazione di componenti high tech di lavorazione meccanica, sia perché devono essere schedulate in più punti del ciclo tecnologico, sia per l’elevata difficoltà di stimarne la durata. Esse, infatti, sono fortemente dipendenti dall’esperienza e dalla capacità dell’operatore e risultano essere apparentemente non correlate alle caratteristiche del pezzo. In questa memoria viene presentata una metodologia pratica ed innovativa che permette la stima dei tempi di collaudo di un componente a partire dal suo disegno costruttivo, in funzione delle caratteristiche tecniche del pezzo. La determinazione di tempi standard e la valutazione a priori dei tempi relativi alle fasi di progettazione, programmazione e di running dell’operazione di collaudo di componenti meccanici, permettono di ottenere una buona stima dei tempi necessari per eseguire il controllo qualità, in funzione della schedulazione dell’intero processo produttivo. L’applicazione di questa metodologia ad un’azienda di medie dimensioni, che opera nel settore delle lavorazioni meccaniche di piccola serie e di prototipi, ha dimostrato la bontà della stima dei tempi di collaudo, ottenuti a partire dai disegni costruttivi dei componenti presi in esame.

SVILUPPO DI UNA METODOLOGIA APPLICATIVA PER LA STIMA DEI TEMPI DI COLLAUDO DI COMPONENTI MECCANICI / Gamberini, Rita; Grassi, Andrea; Mora, C.; Rimini, Bianca. - ELETTRONICO. - (2005), pp. ---. ((Intervento presentato al convegno XXXII Convegno Nazionale ANIMP OICE UAMI tenutosi a Rimini, Italy nel 6th - 7th October.

SVILUPPO DI UNA METODOLOGIA APPLICATIVA PER LA STIMA DEI TEMPI DI COLLAUDO DI COMPONENTI MECCANICI

GAMBERINI, Rita;GRASSI, Andrea;RIMINI, Bianca
2005

Abstract

Il settore delle lavorazioni meccaniche per conto terzi e della realizzazione di componenti meccanici su commessa, è da sempre caratterizzato da scarsa ripetibilità dei prodotti e dalla necessità di seguire le specifiche del cliente, spesso note solo dopo l’acquisizione dell’ordine. In questo contesto, caratterizzato da produzione intermittente o frammentaria e da volumi di produzione medio-bassi, risulta essere fondamentale l’implementazione della programmazione e del controllo della produzione e la attendibilità dei dati di ingresso dello schedulatore a capacità finita, relativi ai tempi di lavorazione e di collaudo. In particolare le fasi di collaudo e di controllo qualità presentano un’elevata criticità per la realizzazione di componenti high tech di lavorazione meccanica, sia perché devono essere schedulate in più punti del ciclo tecnologico, sia per l’elevata difficoltà di stimarne la durata. Esse, infatti, sono fortemente dipendenti dall’esperienza e dalla capacità dell’operatore e risultano essere apparentemente non correlate alle caratteristiche del pezzo. In questa memoria viene presentata una metodologia pratica ed innovativa che permette la stima dei tempi di collaudo di un componente a partire dal suo disegno costruttivo, in funzione delle caratteristiche tecniche del pezzo. La determinazione di tempi standard e la valutazione a priori dei tempi relativi alle fasi di progettazione, programmazione e di running dell’operazione di collaudo di componenti meccanici, permettono di ottenere una buona stima dei tempi necessari per eseguire il controllo qualità, in funzione della schedulazione dell’intero processo produttivo. L’applicazione di questa metodologia ad un’azienda di medie dimensioni, che opera nel settore delle lavorazioni meccaniche di piccola serie e di prototipi, ha dimostrato la bontà della stima dei tempi di collaudo, ottenuti a partire dai disegni costruttivi dei componenti presi in esame.
XXXII Convegno Nazionale ANIMP OICE UAMI
Rimini, Italy
6th - 7th October
-
-
Gamberini, Rita; Grassi, Andrea; Mora, C.; Rimini, Bianca
SVILUPPO DI UNA METODOLOGIA APPLICATIVA PER LA STIMA DEI TEMPI DI COLLAUDO DI COMPONENTI MECCANICI / Gamberini, Rita; Grassi, Andrea; Mora, C.; Rimini, Bianca. - ELETTRONICO. - (2005), pp. ---. ((Intervento presentato al convegno XXXII Convegno Nazionale ANIMP OICE UAMI tenutosi a Rimini, Italy nel 6th - 7th October.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

Licenza Creative Commons
I metadati presenti in IRIS UNIMORE sono rilasciati con licenza Creative Commons CC0 1.0 Universal, mentre i file delle pubblicazioni sono rilasciati con licenza Attribuzione 4.0 Internazionale (CC BY 4.0), salvo diversa indicazione.
In caso di violazione di copyright, contattare Supporto Iris

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11380/309428
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact