La c.d. certificazione dei lavori “atipici” e la sua tenuta giudiziaria