Alcune note critiche sull’accordo collettivo europeo in materia di lavoro a tempo determinato