Articles 19 and 22 of d.l. n. 18/2020 entrusted to collective bargaining a crucial role for the purposes of accessing safety net provisions. This role consisted in regulating conditions, benefi-ciaries and procedures to access the relevant social security payments. The article analyses collective bargaining agreements defining social security provisions provided by the wage guarantee fund and a number of bilateral bodies. From the analysis of regional, sectoral and company collective bar-gaining agreements, considering critical issues of the context in which they were born, it emerged that collective bargaining has fast “reacted” to the referrals that law legislation made to it. Indeed, collective bargaining did not strictly limit to competences recognized by the legislator but also shown that it can deal with crises with own tools and understand needs and specialities of territories and companies. Beyond the difficulties due to pandemic, the analysis of collective bargaining agreements might be useful for developing strategies and defining regulations in the view of manag-ing future risks the production system will have to face.

Gli artt. 19 e 22 del d.l. n. 18/2020 hanno affidato alla contrattazione collettiva un ruolo cruciale ai fini dell’accesso agli ammortizzatori sociali. Tale ruolo è consistito nel disciplinare i pre-supposti, i soggetti beneficiari e le questioni procedurali da rispettare per accedere al trattamento salariale integrativo. Nell’articolo, si analizzano in particolare gli accordi collettini che disciplinano la Cassa Integrazione Guadagni in deroga (CIGD) e i fondi di solidarietà bilaterali. Dall’analisi degli accordi regionali, settoriali e aziendali, tenendo presente le enormi criticità del contesto in cui si operava, è emerso che il diritto della contrattazione collettiva ha reagito con prontezza ai rinvii che la legge ha disposto in suo favore. Anzi, la contrattazione collettiva non si è semplicemente fermata ai confini delle competenze che il legislatore le ha riconosciuto ma ha mostrato anche di saper fron-teggiare situazioni di crisi con strumenti del tutto autonomi rispetto a quelli predisposti dall’ordinamento, cogliendo le esigenze e le specificità dei territori e dei contesti aziendali. Aldilà delle prevedibili difficoltà dovute alla pandemia, quanto emerge dall’analisi effettuata potrà essere utile ai fini di una riflessione che porti alla definizione di strategie e strumenti normativi deputati alla gestione dei rischi futuri che il sistema produttivo si troverà a fronteggiare.

Autonomia collettiva e ammortizzatori sociali per il Covid-19 / Piglialarmi, Giovanni; Spattini, Silvia; Lombardo, Francesco; Nascetti, Giacomo; Zoppo, Andrea. - 5:(2020), pp. 71-125.

Autonomia collettiva e ammortizzatori sociali per il Covid-19

Giovanni Piglialarmi;Silvia Spattini;
2020

Abstract

Gli artt. 19 e 22 del d.l. n. 18/2020 hanno affidato alla contrattazione collettiva un ruolo cruciale ai fini dell’accesso agli ammortizzatori sociali. Tale ruolo è consistito nel disciplinare i pre-supposti, i soggetti beneficiari e le questioni procedurali da rispettare per accedere al trattamento salariale integrativo. Nell’articolo, si analizzano in particolare gli accordi collettini che disciplinano la Cassa Integrazione Guadagni in deroga (CIGD) e i fondi di solidarietà bilaterali. Dall’analisi degli accordi regionali, settoriali e aziendali, tenendo presente le enormi criticità del contesto in cui si operava, è emerso che il diritto della contrattazione collettiva ha reagito con prontezza ai rinvii che la legge ha disposto in suo favore. Anzi, la contrattazione collettiva non si è semplicemente fermata ai confini delle competenze che il legislatore le ha riconosciuto ma ha mostrato anche di saper fron-teggiare situazioni di crisi con strumenti del tutto autonomi rispetto a quelli predisposti dall’ordinamento, cogliendo le esigenze e le specificità dei territori e dei contesti aziendali. Aldilà delle prevedibili difficoltà dovute alla pandemia, quanto emerge dall’analisi effettuata potrà essere utile ai fini di una riflessione che porti alla definizione di strategie e strumenti normativi deputati alla gestione dei rischi futuri che il sistema produttivo si troverà a fronteggiare.
18-dic-2020
Welfare e lavoro nella emergenza epidemiologica Contributo sulla nuova questione sociale.
Michele Tiraboschi; Francesco Seghezzi
978-88-31940-44-3
Adapt University Press
ITALIA
Autonomia collettiva e ammortizzatori sociali per il Covid-19 / Piglialarmi, Giovanni; Spattini, Silvia; Lombardo, Francesco; Nascetti, Giacomo; Zoppo, Andrea. - 5:(2020), pp. 71-125.
Piglialarmi, Giovanni; Spattini, Silvia; Lombardo, Francesco; Nascetti, Giacomo; Zoppo, Andrea
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
vol_93_2020_garofalo_et_al_vol_V (trascinato).pdf

non disponibili

Descrizione: Piglialarmi_Commentario_Garofalo
Tipologia: Versione dell'editore (versione pubblicata)
Dimensione 1.31 MB
Formato Adobe PDF
1.31 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

Licenza Creative Commons
I metadati presenti in IRIS UNIMORE sono rilasciati con licenza Creative Commons CC0 1.0 Universal, mentre i file delle pubblicazioni sono rilasciati con licenza Attribuzione 4.0 Internazionale (CC BY 4.0), salvo diversa indicazione.
In caso di violazione di copyright, contattare Supporto Iris

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11380/1288477
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact