Scopo principale della ricerca è studiare il funzionamento delle rappresentanze diplomatiche del ducato Estense a Venezia, Trieste e Vienna nel corso del secolo XVIII. Si tratta delle tre sedi diplomatiche più vicine all’area dell’alto Adriatico e ai territori del Friuli e dell’Istria, che costituiscono l’oggetto di studio principale dell’intero volume. Tra esse è inclusa la sede viennese e tale profilo riveste una particolare importanza poiché permette di approfondire l’andamento delle relazioni politiche con il centro dell’impero asburgico, da cui lo stato estense dipende per via feudale (nel 1452 i marchesi estensi sono investiti del titolo di duchi di Modena e Reggio dall’imperatore Federico III). La ricerca è stata condotta su fonti inedite depositate presso l’Archivio di Stato di Modena, Archivio Segreto estense, soprattutto nel fondo “Ambasciatori e agenti ducali corrispondenti”. Prima di esaminare la situazione specifica che riguarda le sedi diplomatiche di Venezia, Trieste e Vienna, viene anche delineato lo sviluppo più generale delle relazioni diplomatiche da parte degli Estensi a partire dal secolo XV e in particolare nel XVIII, quando l’attività diplomatica arriva a essere organizzata con modalità più ordinate e omogenee basandosi soprattutto sul ruolo svolto da Ministri e Agenti residenti.

Relazioni politico-commerciali tra il Ducato estense e l’area alto adriatica attraverso le rappresentanze diplomatiche. Primi sondaggi sul secolo XVIII / Bonacini, P.. - (2012), pp. 267-354.

Relazioni politico-commerciali tra il Ducato estense e l’area alto adriatica attraverso le rappresentanze diplomatiche. Primi sondaggi sul secolo XVIII

P. Bonacini
2012

Abstract

Scopo principale della ricerca è studiare il funzionamento delle rappresentanze diplomatiche del ducato Estense a Venezia, Trieste e Vienna nel corso del secolo XVIII. Si tratta delle tre sedi diplomatiche più vicine all’area dell’alto Adriatico e ai territori del Friuli e dell’Istria, che costituiscono l’oggetto di studio principale dell’intero volume. Tra esse è inclusa la sede viennese e tale profilo riveste una particolare importanza poiché permette di approfondire l’andamento delle relazioni politiche con il centro dell’impero asburgico, da cui lo stato estense dipende per via feudale (nel 1452 i marchesi estensi sono investiti del titolo di duchi di Modena e Reggio dall’imperatore Federico III). La ricerca è stata condotta su fonti inedite depositate presso l’Archivio di Stato di Modena, Archivio Segreto estense, soprattutto nel fondo “Ambasciatori e agenti ducali corrispondenti”. Prima di esaminare la situazione specifica che riguarda le sedi diplomatiche di Venezia, Trieste e Vienna, viene anche delineato lo sviluppo più generale delle relazioni diplomatiche da parte degli Estensi a partire dal secolo XV e in particolare nel XVIII, quando l’attività diplomatica arriva a essere organizzata con modalità più ordinate e omogenee basandosi soprattutto sul ruolo svolto da Ministri e Agenti residenti.
Fenomenologia di una macro regione. Sviluppi economici, mutamenti giuridici ed evoluzioni istituzionali nell’alto Adriatico tra Età Moderna e Contemporanea, volume I. Percorsi storici e storico-giuridici
G. DE VERGOTTINI, D. ROSSI, G.F. SIBONI
9788863930566
Leone Editore
ITALIA
Relazioni politico-commerciali tra il Ducato estense e l’area alto adriatica attraverso le rappresentanze diplomatiche. Primi sondaggi sul secolo XVIII / Bonacini, P.. - (2012), pp. 267-354.
Bonacini, P.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Testo Alto Adriatico vol. I-1.pdf

non disponibili

Dimensione 3.61 MB
Formato Adobe PDF
3.61 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

Licenza Creative Commons
I metadati presenti in IRIS UNIMORE sono rilasciati con licenza Creative Commons CC0 1.0 Universal, mentre i file delle pubblicazioni sono rilasciati con licenza Attribuzione 4.0 Internazionale (CC BY 4.0), salvo diversa indicazione.
In caso di violazione di copyright, contattare Supporto Iris

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11380/1264544
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact