L’articolo affronta il tema della provocazione volontaria di situazioni di difesa legittima e di stato di necessità. I casi di provocazione della scriminante riguardano tutte quelle situazioni nelle quali l’agente provoca volontariamente con la sua condotta una reazione aggressiva di un altro soggetto, con la conseguenza di poterlo poi ledere impunemente per difendersi dall’aggressione di quest’ultimo, beneficiando così dell’azione di una esimente. Il contributo, partendo da uno studio comparato sull’applicazione del paradigma della “actio libera in causa” alla provocazione della scriminante, analizza la disciplina dell’art. 54 c.p. e in particolare il requisito dell’involontaria causazione del pericolo. A fronte del silenzio dell’art. 52 c.p. sulla possibilità di una causazione volontaria dell’offesa da respingere, si sono valutati possibilità e limiti della difesa da parte del soggetto provocatore, cercando di conciliare da un lato l’esigenza di tutelare l’incolumità personale dell'aggredito, dall’altra quella di impedire che il soggetto provocatore approfitti della protezione accordata dall’ordinamento per finalità illecite. La giurisprudenza ha affrontato sovente il problema con riferimento al rapporto tra delitto di rissa e legittima difesa. Attribuire una adeguata rilevanza agli elementi soggettivi delle scriminanti permette di definire con maggiore precisione i confini e l’essenza del contesto di operatività della giustificazione del reato, in particolare nei casi di provocazione di una esimente.

La provocazione della scriminante. I limiti della giustificazione del reato in contesti illeciti / Orlandi, Riccardo. - In: ARCHIVIO PENALE. - ISSN 2384-9479. - Fascicolo n. 3, settembre - dicembre 2021(2021), pp. 1-29.

La provocazione della scriminante. I limiti della giustificazione del reato in contesti illeciti

Riccardo Orlandi
2021

Abstract

L’articolo affronta il tema della provocazione volontaria di situazioni di difesa legittima e di stato di necessità. I casi di provocazione della scriminante riguardano tutte quelle situazioni nelle quali l’agente provoca volontariamente con la sua condotta una reazione aggressiva di un altro soggetto, con la conseguenza di poterlo poi ledere impunemente per difendersi dall’aggressione di quest’ultimo, beneficiando così dell’azione di una esimente. Il contributo, partendo da uno studio comparato sull’applicazione del paradigma della “actio libera in causa” alla provocazione della scriminante, analizza la disciplina dell’art. 54 c.p. e in particolare il requisito dell’involontaria causazione del pericolo. A fronte del silenzio dell’art. 52 c.p. sulla possibilità di una causazione volontaria dell’offesa da respingere, si sono valutati possibilità e limiti della difesa da parte del soggetto provocatore, cercando di conciliare da un lato l’esigenza di tutelare l’incolumità personale dell'aggredito, dall’altra quella di impedire che il soggetto provocatore approfitti della protezione accordata dall’ordinamento per finalità illecite. La giurisprudenza ha affrontato sovente il problema con riferimento al rapporto tra delitto di rissa e legittima difesa. Attribuire una adeguata rilevanza agli elementi soggettivi delle scriminanti permette di definire con maggiore precisione i confini e l’essenza del contesto di operatività della giustificazione del reato, in particolare nei casi di provocazione di una esimente.
15-nov-2021
Fascicolo n. 3, settembre - dicembre 2021
1
29
La provocazione della scriminante. I limiti della giustificazione del reato in contesti illeciti / Orlandi, Riccardo. - In: ARCHIVIO PENALE. - ISSN 2384-9479. - Fascicolo n. 3, settembre - dicembre 2021(2021), pp. 1-29.
Orlandi, Riccardo
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
32787.pdf

accesso aperto

Tipologia: Versione dell'editore (versione pubblicata)
Dimensione 429.64 kB
Formato Adobe PDF
429.64 kB Adobe PDF Visualizza/Apri
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

Licenza Creative Commons
I metadati presenti in IRIS UNIMORE sono rilasciati con licenza Creative Commons CC0 1.0 Universal, mentre i file delle pubblicazioni sono rilasciati con licenza Attribuzione 4.0 Internazionale (CC BY 4.0), salvo diversa indicazione.
In caso di violazione di copyright, contattare Supporto Iris

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11380/1256699
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact