«Il lavoro non è una merce»: una formula da rimeditare