Autonomia regionale differenziata: verso la "secessione dei ricchi"?