Modelli analogici e digitali nella regolazione del rapporto di lavoro: qualche spunto minimo di riflessione