In questo contributo si assume la seconda esposizione industriale nazionale italiana che ha avuto luogo a Milano nel 1881 come caso di studio per comprendere il ruolo del progetto architettonico e di allestimento in una significativa fase di passaggio della cultura italiana. Le architetture dei palazzi dell’industria sono già state oggetto di studio come luoghi della modernità, di sperimentazione di nuove tecnologie e di formulazione del nuovo linguaggio dell’Italia unita. In questa sede si è cercato di comprendere, attraverso il racconto della stampa e delle fonti ufficiali, ma anche dei documenti d’archivio, le modalità di progettazione dell’evento, il ruolo dei vari attori e il significato assunto dalla costruzione degli spazi e dalle tecniche della messa in mostra. In questo modo si sono precisati tempi e modalità della definizione dell’impianto degli edifici della mostra industriale, il rapporto tra il piano di classificazione della mostra e l’organizzazione degli spazi, il dialogo tra le scelte linguistiche dell’architetto Ceruti e la cultura dei suoi interlocutori all’interno del Comitato esecutivo, focalizzando l’attenzione su due spazi importanti del percorso espositivo: la Sala Pompeiana e la Rotonda della Ceramica.

L'esposizione nazionale di Milano 1881. Gli strumenti della rappresentazione: architettura ordinamento allestimento / Zanella, F.. - In: ARTE LOMBARDA. - ISSN 0004-3443. - 160/3:(2010), pp. 73-93.

L'esposizione nazionale di Milano 1881. Gli strumenti della rappresentazione: architettura ordinamento allestimento

F. Zanella
2010

Abstract

In questo contributo si assume la seconda esposizione industriale nazionale italiana che ha avuto luogo a Milano nel 1881 come caso di studio per comprendere il ruolo del progetto architettonico e di allestimento in una significativa fase di passaggio della cultura italiana. Le architetture dei palazzi dell’industria sono già state oggetto di studio come luoghi della modernità, di sperimentazione di nuove tecnologie e di formulazione del nuovo linguaggio dell’Italia unita. In questa sede si è cercato di comprendere, attraverso il racconto della stampa e delle fonti ufficiali, ma anche dei documenti d’archivio, le modalità di progettazione dell’evento, il ruolo dei vari attori e il significato assunto dalla costruzione degli spazi e dalle tecniche della messa in mostra. In questo modo si sono precisati tempi e modalità della definizione dell’impianto degli edifici della mostra industriale, il rapporto tra il piano di classificazione della mostra e l’organizzazione degli spazi, il dialogo tra le scelte linguistiche dell’architetto Ceruti e la cultura dei suoi interlocutori all’interno del Comitato esecutivo, focalizzando l’attenzione su due spazi importanti del percorso espositivo: la Sala Pompeiana e la Rotonda della Ceramica.
160/3
73
93
L'esposizione nazionale di Milano 1881. Gli strumenti della rappresentazione: architettura ordinamento allestimento / Zanella, F.. - In: ARTE LOMBARDA. - ISSN 0004-3443. - 160/3:(2010), pp. 73-93.
Zanella, F.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
07 Zanella_lr.pdf

non disponibili

Dimensione 2.24 MB
Formato Adobe PDF
2.24 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

Licenza Creative Commons
I metadati presenti in IRIS UNIMORE sono rilasciati con licenza Creative Commons CC0 1.0 Universal, mentre i file delle pubblicazioni sono rilasciati con licenza Attribuzione 4.0 Internazionale (CC BY 4.0), salvo diversa indicazione.
In caso di violazione di copyright, contattare Supporto Iris

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11380/1223939
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact