Il “sabotaggio” di opere militari