"Tra Lynch e Bacon: visibile, sensibile e figurale"