ROBOT UMANOIDI, GENERE E LINGUAGGIO. “SIAMO DELLA STESSA MATERIA DI CUI SONO FATTI I SOGNI”