A seguito dell’entrata in vigore della Legge 170/2010 gli alunni con disturbi specifici dell’apprendimento (DSA) di ogni ordine e grado scolastico, ivi comprese le Università, sono finalmente stati tutelati. Tale norma ha, infatti, il compito di garantire loro il diritto allo studio e pari opportunità di formazione. La normativa vigente prevede, inoltre, la possibilità di erogare loro misure compensative e strumenti dispensativi al fine di renderli, il più possibile, au- tonomi nello studio e garantendo loro una valutazione che tenga conto delle singole “caratteristiche”. Inoltre pur potendo usufruire di strumenti dispensativi durante le verifiche, essi sono perfettamente consapevoli di dover acquisire le medesime competenze dei propri compagni di classe. Importante è l’articolo 5 della normativa, secondo il quale i diversi ordini e gradi scolastici debbono garantire una particolare flessibilità didattica, trasformando, così, la didattica tradizionale in didattica “inclusiva”. Anche tra i compiti assegnati all’Università, infatti, vi è quello di prevedere che “gli studenti con diagnosi di DSA hanno il diritto di fruire di appositi strumenti dispensativi e compensativi che garantiscano la flessibilità didattica”. Presso l’Università di Studi di Modena e Reggio Emilia, infatti, è attivo dal 2007 un servizio di consulenza e di erogazione dei servizi per tutti gli studenti con disturbi specifici di apprendimento iscritti all’Ateneo. Tale sportello ha il compito di valutare, insieme agli studenti stessi, le modalità di intervento più consone al loro percorso universitario affinché anch’essi possano raggiungere i più elevati titoli di studio. L’Ateneo di Modena e Reggio Emilia, grazie ad un’importante opera di sensibilizzazione sulla cultura dei DSA, è riuscito a garantire a tali studenti diversi supporti individualizzati facendo emergere le loro potenzialità. Il numero degli studenti con DSA, in ambito accademico, infatti, è in crescita esponenziale come si deduce dai dati Censis presentati nel contributo .

Legge 170 ed Università / Genovese, Elisabetta; Guaraldi, Giacomo; Gubernale, Marco. - In: AUDIOLOGIA & FONIATRIA. - ISSN 2531-7008. - (2018), pp. 89-94.

Legge 170 ed Università

Elisabetta Genovese;Giacomo Guaraldi;Marco Gubernale
2018

Abstract

A seguito dell’entrata in vigore della Legge 170/2010 gli alunni con disturbi specifici dell’apprendimento (DSA) di ogni ordine e grado scolastico, ivi comprese le Università, sono finalmente stati tutelati. Tale norma ha, infatti, il compito di garantire loro il diritto allo studio e pari opportunità di formazione. La normativa vigente prevede, inoltre, la possibilità di erogare loro misure compensative e strumenti dispensativi al fine di renderli, il più possibile, au- tonomi nello studio e garantendo loro una valutazione che tenga conto delle singole “caratteristiche”. Inoltre pur potendo usufruire di strumenti dispensativi durante le verifiche, essi sono perfettamente consapevoli di dover acquisire le medesime competenze dei propri compagni di classe. Importante è l’articolo 5 della normativa, secondo il quale i diversi ordini e gradi scolastici debbono garantire una particolare flessibilità didattica, trasformando, così, la didattica tradizionale in didattica “inclusiva”. Anche tra i compiti assegnati all’Università, infatti, vi è quello di prevedere che “gli studenti con diagnosi di DSA hanno il diritto di fruire di appositi strumenti dispensativi e compensativi che garantiscano la flessibilità didattica”. Presso l’Università di Studi di Modena e Reggio Emilia, infatti, è attivo dal 2007 un servizio di consulenza e di erogazione dei servizi per tutti gli studenti con disturbi specifici di apprendimento iscritti all’Ateneo. Tale sportello ha il compito di valutare, insieme agli studenti stessi, le modalità di intervento più consone al loro percorso universitario affinché anch’essi possano raggiungere i più elevati titoli di studio. L’Ateneo di Modena e Reggio Emilia, grazie ad un’importante opera di sensibilizzazione sulla cultura dei DSA, è riuscito a garantire a tali studenti diversi supporti individualizzati facendo emergere le loro potenzialità. Il numero degli studenti con DSA, in ambito accademico, infatti, è in crescita esponenziale come si deduce dai dati Censis presentati nel contributo .
89
94
Legge 170 ed Università / Genovese, Elisabetta; Guaraldi, Giacomo; Gubernale, Marco. - In: AUDIOLOGIA & FONIATRIA. - ISSN 2531-7008. - (2018), pp. 89-94.
Genovese, Elisabetta; Guaraldi, Giacomo; Gubernale, Marco
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Articolo Genovese, Guaraldi e Gubernale.pdf

non disponibili

Tipologia: Versione dell'editore (versione pubblicata)
Dimensione 512.04 kB
Formato Adobe PDF
512.04 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

Licenza Creative Commons
I metadati presenti in IRIS UNIMORE sono rilasciati con licenza Creative Commons CC0 1.0 Universal, mentre i file delle pubblicazioni sono rilasciati con licenza Attribuzione 4.0 Internazionale (CC BY 4.0), salvo diversa indicazione.
In caso di violazione di copyright, contattare Supporto Iris

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11380/1184480
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact