Il terrorismo e il cestino dei rifiuti: semiotica e spazio del terrore