Alla ricerca dello spazio perduto: Proust, Ruskin e le guide turistiche