A chi serve “l'identità”?