Leo Strauss, al-Farabi e la scrittura reticente