Le ragioni del diritto antidiscriminatorio tra eguaglianza e libertà personale