Oltre "Gomorra". Dall'elegia al kitsch