Salvemini, rientrato in Italia dopo la primavera del 1945, annotò «lampi di fede e di ardore» negli occhi della gente. Così si espresse, e per il vero inaspettatamente nel commentare la rinascenza postbellica, la voce più laica e indenne da collusioni con la melma clerico-fascista che si era data nel Paese: non essendo aduso, il grande allievo di Cattaneo, ad appelli alla fede, né ad urgenze religiose. Certo si trattava di fede non riconducibile alle scenografie barocche della canonistica romana, né rapportabile alle aspettative vaticane concordatarie che avevano portato alla stretta di mano con Mussolini del 1929. Si trattava, viceversa, di quella spiritualità che, nella prima metà del secolo, prendeva corpo in Aldo Capitini, e si sarebbe sviluppata quanto mai vivacemente negli anni a venire. La compresenza dei morti e dei viventi, ora ripubblicata nell'edizione fiorentina del Ponte a cura di Lanfranco Binni, Giuseppe Moscati e Marcello Rossi, ne costituisce l'esito più acuto e, nel contempo, problematico.

Il fondamento della compresenza nel pensiero di Aldo Capitini / Jasonni, Massimo. - In: IL PONTE. - ISSN 0032-423X. - 6:novembre-dicembre(2018), pp. 121-127.

Il fondamento della compresenza nel pensiero di Aldo Capitini

jasonni massimo
2018

Abstract

Salvemini, rientrato in Italia dopo la primavera del 1945, annotò «lampi di fede e di ardore» negli occhi della gente. Così si espresse, e per il vero inaspettatamente nel commentare la rinascenza postbellica, la voce più laica e indenne da collusioni con la melma clerico-fascista che si era data nel Paese: non essendo aduso, il grande allievo di Cattaneo, ad appelli alla fede, né ad urgenze religiose. Certo si trattava di fede non riconducibile alle scenografie barocche della canonistica romana, né rapportabile alle aspettative vaticane concordatarie che avevano portato alla stretta di mano con Mussolini del 1929. Si trattava, viceversa, di quella spiritualità che, nella prima metà del secolo, prendeva corpo in Aldo Capitini, e si sarebbe sviluppata quanto mai vivacemente negli anni a venire. La compresenza dei morti e dei viventi, ora ripubblicata nell'edizione fiorentina del Ponte a cura di Lanfranco Binni, Giuseppe Moscati e Marcello Rossi, ne costituisce l'esito più acuto e, nel contempo, problematico.
6
novembre-dicembre
121
127
Il fondamento della compresenza nel pensiero di Aldo Capitini / Jasonni, Massimo. - In: IL PONTE. - ISSN 0032-423X. - 6:novembre-dicembre(2018), pp. 121-127.
Jasonni, Massimo
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

Licenza Creative Commons
I metadati presenti in IRIS UNIMORE sono rilasciati con licenza Creative Commons CC0 1.0 Universal, mentre i file delle pubblicazioni sono rilasciati con licenza Attribuzione 4.0 Internazionale (CC BY 4.0), salvo diversa indicazione.
In caso di violazione di copyright, contattare Supporto Iris

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11380/1171467
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact