Secondo Massimo Pavarini, gli Stati moderni, e ancor più quelli di sviluppato Stato sociale di diritto si sono legittimati come capaci di garantire la sicurezza interna, cioè la sicurezza nazionale, nel governo repressivo e preventivo dei conflitti. Altrettanto deve dirsi per il governo preventivo e repressivo delle condotte, degli attori e delle situazioni avvertite co-me capaci di minacciare la sicurezza sociale che danno vita allo Stato sociale di diritto come Stato della prevenzione. Tutto questo, tuttavia, attiene al «dover essere » che rappresenta una «promessa della modernità, sovente non mantenuta».La significativa novità del governo del bene pubblico della sicurezza, prosegue Pavarini, è oggi la specificazione del «locale» contro il «nazionale ». Il monopolio statale della sicurezza «viene sovente declinato anche - sia pure non esclusivamente - a livello locale». Dalla crisi dell’egemonia statale è conseguito che le cause dei nuovi conflitti non sono più governabili a quel livello, mentre i loro effetti, in termini di sofferenza, disagio, costi sociali e paura, tendono sempre più a dimensionarsi e specificarsi in ragione delle concrete variabili locali presenti, con la conseguenza che «la natura degli effetti è sempre più in ragione della dimensione locale all’interno della quale il conflitto determina insicurezza». I nuovi conflitti si producono pertanto in una dimensione sempre più distante da quella in cui determinano i loro effetti a livello d’insicurezza oggettiva e soggettiva, come appare palese, primo fra tutti, nel fenomeno migratorio.Le condizioni più favorevoli per la sicurezza urbana si realizzano quando i contributi di più attori istituzionali e di più politiche, che mantengono la loro individualità, sono valorizzati ed integrati nella condivisione degli stessi obiettivi e messi in condizione di realizzare le necessarie convergenze. Gli obiettivi comuni di attori e politiche devono perseguire il collegamento di funzioni diverse e costruire la sintesi programmata degli obiettivi, per risultare più efficaci rispetto alla somma delle pur appropriate azioni di ciascuno, e devono essere capaci di coinvolgere l’apporto delle altre istituzioni, non limitandolo, come spesso avviene, a quello indispensabili per affrontare i singoli problemi.

Sicurezza urbana e contributo "integrato" dei comuni / Pighi, Giorgio. - (2018). ((Intervento presentato al convegno Convegno dell'associazione "Franco Bricola". Il sistema penale messo in discussione. L'opera di Massimo Pavarini tra teoria, ricerca empirica e impegno sociale. tenutosi a Bologna nel 13-14 maggio 2016.

Sicurezza urbana e contributo "integrato" dei comuni

Giorgio Pighi
2018

Abstract

Secondo Massimo Pavarini, gli Stati moderni, e ancor più quelli di sviluppato Stato sociale di diritto si sono legittimati come capaci di garantire la sicurezza interna, cioè la sicurezza nazionale, nel governo repressivo e preventivo dei conflitti. Altrettanto deve dirsi per il governo preventivo e repressivo delle condotte, degli attori e delle situazioni avvertite co-me capaci di minacciare la sicurezza sociale che danno vita allo Stato sociale di diritto come Stato della prevenzione. Tutto questo, tuttavia, attiene al «dover essere » che rappresenta una «promessa della modernità, sovente non mantenuta».La significativa novità del governo del bene pubblico della sicurezza, prosegue Pavarini, è oggi la specificazione del «locale» contro il «nazionale ». Il monopolio statale della sicurezza «viene sovente declinato anche - sia pure non esclusivamente - a livello locale». Dalla crisi dell’egemonia statale è conseguito che le cause dei nuovi conflitti non sono più governabili a quel livello, mentre i loro effetti, in termini di sofferenza, disagio, costi sociali e paura, tendono sempre più a dimensionarsi e specificarsi in ragione delle concrete variabili locali presenti, con la conseguenza che «la natura degli effetti è sempre più in ragione della dimensione locale all’interno della quale il conflitto determina insicurezza». I nuovi conflitti si producono pertanto in una dimensione sempre più distante da quella in cui determinano i loro effetti a livello d’insicurezza oggettiva e soggettiva, come appare palese, primo fra tutti, nel fenomeno migratorio.Le condizioni più favorevoli per la sicurezza urbana si realizzano quando i contributi di più attori istituzionali e di più politiche, che mantengono la loro individualità, sono valorizzati ed integrati nella condivisione degli stessi obiettivi e messi in condizione di realizzare le necessarie convergenze. Gli obiettivi comuni di attori e politiche devono perseguire il collegamento di funzioni diverse e costruire la sintesi programmata degli obiettivi, per risultare più efficaci rispetto alla somma delle pur appropriate azioni di ciascuno, e devono essere capaci di coinvolgere l’apporto delle altre istituzioni, non limitandolo, come spesso avviene, a quello indispensabili per affrontare i singoli problemi.
Convegno dell'associazione "Franco Bricola". Il sistema penale messo in discussione. L'opera di Massimo Pavarini tra teoria, ricerca empirica e impegno sociale.
Bologna
13-14 maggio 2016
Pighi, Giorgio
Sicurezza urbana e contributo "integrato" dei comuni / Pighi, Giorgio. - (2018). ((Intervento presentato al convegno Convegno dell'associazione "Franco Bricola". Il sistema penale messo in discussione. L'opera di Massimo Pavarini tra teoria, ricerca empirica e impegno sociale. tenutosi a Bologna nel 13-14 maggio 2016.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

Licenza Creative Commons
I metadati presenti in IRIS UNIMORE sono rilasciati con licenza Creative Commons CC0 1.0 Universal, mentre i file delle pubblicazioni sono rilasciati con licenza Attribuzione 4.0 Internazionale (CC BY 4.0), salvo diversa indicazione.
In caso di violazione di copyright, contattare Supporto Iris

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11380/1168305
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact